(video) PNA 06. Il monitoraggio “sospettoso” delle misure e la fissazione sugli “stakeholders”

Spread the love

La presentazione del paragrafo 5.1 del PNA 2022 (in consultazione), oltre alla illustrazione del contenuto, evidenzia alcune criticità del documento che possono essere così sintetizzate:

  • difficoltà di definire (in modo serio e adeguato) la “idoneità” di una misura, se non dopo che sia accaduto un fatto correttivo
  • non si comprende per quale motivo si insiste nel prevedere il coinvolgimento di “stakeholder” (portatori di interessi) quando la prima misura di prevenzione è proprio la verifica di assenza di “conflitti di interessi”. Si trascura il fatto che le pubbliche amministrazioni debbono perseguire “esclusivamente l’interesse della Nazione” (art. 98 della Costituzione) e non di “portatori organizzati”. E non si tiene in considerazione il fatto che l’attività amministrativa deve essere orientata al perseguimento di “valore pubblico”, non di “interesse individuale”.
  • Non si condivide l’assunto per il quale il monitoraggio effettuato raccogliendo le informazioni dai diretti responsabili consiste in una “autovalutazione” e non garantisce la necessaria qualità. Il monitoraggio è un’attività di controllo, diversa dalla valutazione, ed è opportuno che veda il coinvolgimento diretto dei responsabili della misure. Ma soprattutto la diffusione di un clima di “sospetto generalizzato” nei confronti dei dirigenti e dei responsabili, oltre a essere inopportuno e infondato è grave e compromette il clima di fiducia e di “buona fede” invocato anche dall’ONU nella convenzione di Merida

Total Page Visits: 365 - Today Page Visits: 2