La diffida all’uso di Google analytics

Spread the love

Alcuni enti hanno ricevuto una comunicazione inviata da sedicenti associazioni finalizzate alla tutela dei cittadini o al controllo dei siti istituzionali con la quale l’Ente è stato “diffidato” dall’utilizzo di Google analytics perchè quel programma utilizzerebbe indebitamente le informazioni degli utenti che accedono al sito.

Da una verifica effettuata risulta che il messaggio è stato inviato anche a Enti che non utilizzano quel programma e che la comunicazione, benché inviata da soggetti non meglio identificati, non si configura come una denuncia e peraltro richiama informazioni che sono corrette.

Peraltro risulta che alcuni enti utilizzano Google Analytics inconsapevolmente per effetto di automatismi inseriti in altre applicazioni di cui si servono.

Al riguardo è opportuno precisare che l’autorità austriaca per la protezione dei dati ha dichiarato illegale l’uso di Google Analytics perché viola il Gdpr.

La decisione D155.027 GA del garante austriaco è  scaturita da una delle 101 diverse denunce presentate in varie nazioni dell’Unione Europea. Nello specifico del caso austriaco, analizzando un sito web dedicato alla salute l’autorità di controllo ha riscontrato che tutti i siti che utilizzano Google Analytics di fatto esportano negli Stati Uniti dati personali dei visitatori come i loro indirizzi IP e i loro identificatori univoci che vengono memorizzati nei cookie, informazioni che in certi casi, secondo le leggi americane, possono essere poi fornite anche alle autorità, e anche per tale motivo l’alta corte europea con la sentenza nella causa C-311/18 del 16 luglio 2020 aveva stabilito che il Privacy Shield violasse il Gdpr.

A tal fine è opportuno che l’Ente adotti le seguenti iniziative:

  1. verifichi di non avere attivato presso il proprio sito l’utilizzo delle funzionalità di Google Analytcs
  2. richieda alle società informatiche che forniscono servizi sul web, di attestare che le informazioni sull’accesso non vengano trasmesse ad altri utenti e in particolare modo a Google Analytcs

Al riguardo è opportuno precisare che una delle soluzioni possibili, gratuite, e gestite da AGID, per la verifica degli accessi è lo strumento Web Analytics Italia che è consigliato in una delle linee di azione del piano triennale per la transizione digitale.

Total Page Visits: 841 - Today Page Visits: 4